CREMA AL PASSITO DI PANTELLERIA

L’uva zibibbo diventa “passito” quando l’inverno è freddo e il sole e il vento di scirocco agevolano l’appassimento delle uve.
La lavorazione comincia nella prima decade di agosto con l’essiccazione al sole del 50% delle uve per almeno tre settimane, su appositi stenditoi adagiati in vicinanza di muretti di nera pietra vulcanica, allo scopo di ottenere maggior concentrazione di calore.
Così il classico passito dell’isola bruciata dal sole e dal salmastro, regala un incoercibile ‘bouquet’ a questo nostro composto che si fa setoso e si arricchisce di retrogusti di caramello e tabacco.

 
 
chiudi